Regolamentazione del servizio - Casatesta

Vai ai contenuti
"Casa Testa" eroga un servizio socio assistenziale anche di interesse pubblico, accogliendo gli ospiti nel quadro di una politica che rispetta le sue libertà essenziali e del valore della vita. Una delle regole fondamentali della Comunità è basata non solo sul rispetto in generale dei diritti dell’ospite, ma anche in un orientamento degli interventi che tenga conto, nel limite del possibile, delle sue esigenze individuali e sia finalizzato al miglioramento della qualità della sua vita.
Allo stesso tempo agli ospiti viene richiesto il rispetto degli altri e dell’ambiente, la cura della propria persona , l’osservanza degli orari (dei pasti, delle attività, delle uscite,ecc.) e delle altre regole di vita comunitaria.

Gli aspetti che concorrono al servizio socio assistenziale sono i seguenti:

  1. Definizione progetto assistenziale individuale “PAI”
  2. Criteri di Accettazione dell’Ospite;
  3. Il servizio Alberghiero;
  4. Il servizio Infermieristico;
  5. Il servizio di Assistenza Rieducativa;
  6. L’Assistenza Medica;
  7. Il servizio di Assistenza alla persona;
  8. Il servizio di Riabilitazione Psichiatrica
  9. Servizio di parrucchiere
  10. Servizio di podologia
  11. Servizio di lavanderia con certificazione sanificazione materassi
  12. Le dimissioni ed il decesso.
DEFINIZIONE DEL PROGETTO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE PAI  (secondo la D.G.R. 45-4248)

Il Piano Assistenziale Individuale è lo strumento finalizzato a garantire, nel breve-medio periodo, il completo soddisfacimento dei bisogni dell’ospite individuando e definendo gli interventi, i tempi, le modalità nonché la valutazione dei risultati.
Al momento dell’accoglienza dell’ospite, la Struttura percepisce e traduce operativamente, verificandone l’attualità, il progetto definitivo dall’ UVG (Unità di Valutazione Geriatria dell’ASL), provvedendo all’elaborazione del PAI.
La predisposizione, la verifica e l’aggiornamento del PAI avviene nell’ambito di un’ equipe multidisciplinare.L’equipe si riunisce periodicamente e predispone collegialmente i singoli piani, sulla base dei relativi progetti individuali e programmando di conseguenza gli interventi specifici degli operatori.
Il PAI viene trasmesso entro cinque giorni all’UVG che è tenuta ad esprimere eventuali determinazioni e/o modifiche entro i successivi dieci giorni.La responsabilità dell’esecuzione operativa del PAI è del Direttore Sanitario della Struttura. Il PAI è soggetto a periodiche verifiche da parte dell’equipe della struttura entro i termini previsti nel progetto individuale, o comunque, a fronte dell’insorgere di variazioni delle condizioni psicofisiche dell’ospite.

CRITERI DI ACCETTAZIONE DELL'OSPITE
L’accettazione si distingue in:

- Accettazione Ospiti privati (RSA o CPB)
- Accettazione Ospiti inviati dalle A.S.L. (CPB o RSA)


Per quel che riguarda gli Ospiti della RSA il primo contatto con la Struttura è solitamente telefonico e viene gestito dalla Direzione se presente in struttura, in alternativa dagli Educatori per le prime informazioni.

Vengono fornite informazioni di massima sulla struttura; in questo primo contatto vengono richiesti dati identificativi dell’Ospite e un recapito telefonico.
Si invita l’Ospite a visitare la Struttura e gli si spiegano le attività,  i servizi forniti e i costi; gli si consegna la Carta dei Servizi in modo  che siano chiare le regole presenti a "Casa Testa".

Se l’esito della visita è positivo, si fissa il giorno e l’ora dell’inserimento; viene richiesta tutta la documentazione (personale e medica) ed il necessario per l’ammissione.
L’accoglienza avviene con visita dell’unità abitativa, sistemazione in camera e visita da parte del Medico che compila la Cartella clinica. L’Educatore di turno raccoglie informazioni sulle abitudini di vita dell’Ospite.

L’Ospite, o chi per esso, viene registrato nel Registro Presenze e successivamente nell’Anagrafica Ospiti e nella Cartella Personale Ospiti RSA o CPB. L’apposizione della firma sul modulo “Cartella personale Ospiti RSA/CPB” da parte della Direzione, si configura come riesame del contratto.

Per quel che riguarda gli Ospiti in convenzione con l’ A.S.L., sono le stesse che rilasciano all’Ospite un elenco delle strutture convenzionate; l’ Ospite, o chi per esso, contattano direttamente la Direzione la quale  richiede la descrizione del caso. In alcuni casi viene prodotta una relazione da parte dello Psichiatra dell’A.S.L.

All’accoglienza viene richiesta tutta la documentazione (personale e clinica) e viene effettuato il primo colloquio con lo Psichiatra, che compila la cartella Psichiatrica e l’Educatore di riferimento che compila la “Cartella personale Ospiti RSA/CPB”. In un secondo momento il Medico Internista compilerà la Cartella Clinica e la Psicologa la Cartella Psicologica.
Per tutti gli Ospiti all’ingresso viene compilato un elenco degli effetti personali e della biancheria.

All’accettazione vengono inoltre compilati e firmati:

-  l’informativa ed il consenso al trattamento dei dati personali (L.gs 196/03).
-  il “Contratto di ospitalità” in cui sono dettagliati i servizi garantiti, le prestazioni comprese nella retta e quelle accessorie,i costi e le modalità di pagamento, i Diritti e doveri degli Ospiti. Con il contratto di ospitalità l’ospite sottoscrive per accettazione anche il presente documento.

IL SERVIZIO ALBERGHIERO
La responsabilità per l’organizzazione delle prestazioni alberghiere è della Direzione; la fornitura dei pasti è data in appalto ad una Ditta esterna che opera nella mensa interna alla struttura.
Non è possibile accettare cibi confezionati in casa da parenti e/o amici degli ospiti come da disposizioni di legge.
Per Ospiti con particolari problemi sono previste diete personalizzate, redatte sotto la responsabilità del personale infermieristico. L’organizzazione del servizio alberghiero si esplica nel seguente modo:

H 6:30 - 7:30  Sveglia e igiene personale
H 8:00 - 9:00:  Colazione
H 8:00 -10:30  Rifacimento letti, pulizia camere e igiene ambientale
H 10:30         Distribuzione bevande calde/fredde
H 12:00-13:15   Pranzo
H 16:00-16:30  Merenda
H 17:30         Distribuzione bevande calde/fredde
H 19:00-20:00  Cena

La struttura fornisce anche un servizio di lavanderia che comprende il lavaggio, la stiratura, eventuale rammendo. E’ a disposizione degli Ospiti un servizio bar interno (distributore automatico di bevande calde).

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO
La responsabilità del servizio infermieristico è a carico della Coordinatrice delle Infermiere, che si occupa dell’organizzazione del suddetto servizio con la supervisione della Direzione.
Il servizio infermieristico è composto da:
-   Una coordinatrice (Infermiera professionale)
-   Tre Infermieri professionali
-  L’organizzazione del servizio infermieristico si esplica secondo il Programma di Lavoro degli infermieri e come  indicato qui di seguito:

h.6.30–7.30   prelievi e preparazione terapia
h.7.30–9.00   distribuzione terapia, controlli glicemici e compilazione menù
h.9.00–10,30  preparazione terapia, medicazioni, rilevazione parametri vitali in base alla   programmazione
h.11.30–12.00  eventuali controlli glicemici e controllo degli Ospiti non autosufficienti
h.11.45–12.15  supporto agli OSS per imbocco Ospiti non autosufficienti
h.12.00–12.15 distribuzione terapia e supporto in sala pranzo
h.13.15–14.00 riordino della Sala medica e passaggio consegne
h.14.00–15.00 consegna e preparazione terapia
h.15.00–15.30 distribuzione terapia
h.15.30–17.30 controllo Ospiti anziani e gestione Sala medica:ordine farmaci e controllo scadenze farmaci,secondo la programmazione,                  eventuale prenotazione visite specialistiche e organizzazione trasporto.
h.17.30–18.00 preparazione terapia
h.18.45–19.15 supporto agli OSS per imbocco Ospiti non autosufficienti, eventuali controlli glicemici, controlli pressori
h.19.00–20.00 distribuzione terapia e supporto in sala pranzo
h.20.00–20.30 preparazione terapia
h.21.00–21.30 distribuzione terapia  riordino Sala medica e consegna notturna agli OSS; in caso di necessità reperibilità degli infermieri
                          
IL SISTEMA DI ASSISTENZA RIEDUCATIVA E ANIMAZIONE
Gli Educatori programmano, attuano e verificano specifici interventi educativi e riabilitativi, nell’ambito    del progetto terapeutico elaborato dall’equipe, mirati al recupero-mantenimento-sviluppo delle potenzialità del soggetto per il raggiungimento di livelli sempre più avanzati di autonomia, con obiettivi di recupero alla vita quotidiana e di inserimento-reinserimento psicosociale attraverso lo sviluppo di una più ricca e significativa rete di relazioni interpersonali.

L’obiettivo del recupero delle abilità personali, relazionali e sociali viene perseguito attraverso una serie di interventi, coordinati e integrati con le altre figure professionali operanti nella struttura, che implicano anche il coinvolgimento delle famiglie e del contesto ambientale e la programmazione e la ricerca di risorse socio-sanitarie utili per la realizzazione del progetto.

Inoltre, presiedono alle attività ricreative, culturali, e di animazione; collaborano con gli operatori impegnati nella conduzione degli ateliers; contribuiscono alla formazione del personale di supporto; partecipano ad attività di studio e di ricerca finalizzate agli scopi di cui sopra.

Il servizio di assistenza rieducativa è strettamente connesso al servizio di riabilitazione psichiatrica, a cui ci si riferisce per quel che riguarda le registrazioni.

Per quanto riguarda l’Animazione per gli Ospiti non autosufficienti o parzialmente autosufficienti, vengono organizzate attività da Educatori / Animatori mirati al mantenimento delle potenzialità residue del soggetto.

Eventuali volontari possono prestare la propria attività per effettuare attività relazionali, di sostegno, promozione e supporto all’autonomia degli Ospiti, liberamente e gratuitamente secondo principi di solidarietà e in conformità a quanto descritto nella D.G.R. n. 45-4248 del 30 Luglio 2012);

FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE

Il team di fisioterapia contribuisce attivamente al mantenimento della salute, seguendo un programma riabilitativo adattato alle esigenze dell'ospite e alla cura della sua patologia, sia essa di origine neurologica,ortopedica linfatica o di origine cardio-respiratoria, in stretta collaborazione con il medico di riferimento.

La struttura  "Casa Testa" permette di scegliere se svolgere attività fisiche all'aperto, o all'interno nell'attrezzatissima palestra-laboratorio.

Il personale di "Casa Testa" è sempre al passo coi tempi e non esitiamo ad espandere la nostra infrastruttura con le ultime innovazioni tecnologiche, come macchinari per la fisioterapia ad ultrasuoni.

Orario: 14.30 - 16.30.

L'ASSISTENZA MEDICA
Tutti gli Ospiti si avvalgono delle prestazioni ordinarie e specialistiche del Servizio Sanitario Nazionale.

La Struttura, ai parenti o al servizio di riferimento, richiede un certificato di Residenza per la presa in carico del Medico di zona.

Il rapporto instaurato sarà diretto tra Medico e paziente e la responsabilità è del Medico.

In caso di non reperibilità del Medico di zona la Direzione di "Casa Testa" provvederà a fare intervenire la Guardia Medica competente per territorio o contatterà il servizio 118.

Per i ricoveri , in caso di urgenza decide il 118, negli altri casi è il Medico del S.S.N. che decide dove far portare l’Ospite.

Al di là delle urgenze, il Medico di Base è disponibile due volte a settimana (martedì e venerdì pomeriggio) a ricevere gli ospiti che lo richiedano e ad effettuare controlli internistici, secondo le necessità.

IL SERVIZIO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA
L’organizzazione del servizio di assistenza alla persona è sotto la responsabilità della Direzione, aiutata dalla Coordinatrice degli OSS.
Le funzioni degli OSS si distinguono in:

A) Rapporto diretto con l’utenza;
B) Contributo alla programmazione e gestione del servizio

Al fine di fornire nel modo più appropriato il servizio offerto e per andare incontro alle esigenze di ogni singolo ospite, il personale OSS è chiamato a compilare semestralmente la “Scheda di osservazione e raccolta dati” per gli ospiti R.S.A., il “Questionario informativo” per la CPB e il Programma di Assistenza alla Persona per tutti gli ospiti.
L’organizzazione del servizio di assistenza alla persona si esplica nel seguente modo:

h.   6.00         alzata ed igiene degli Ospiti non autosufficienti
h.   7.00–8.00   sveglia agli Ospiti autosufficienti e controllo igiene
h.   7.30–8.00   colazione assistita agli Ospiti non autosufficienti
h.   8.00–9.00   distribuzione colazione agli Ospiti autosufficienti e compilazione del menù
h.   9.00–9.30   cambi ed igiene agli Ospiti non autosufficienti             
h. 10.00 –11.00   assistenza alla deambulazione per Ospiti non autosufficienti
h. 11.45 –12.15   pranzo assistito per Ospiti non autosufficienti
h. 12.15 –13.00   pranzo  per Ospiti  autosufficienti
h. 13.00          cambi ed allettamento per riposo pomeridiano
h. 14.30          bagni assistiti per Ospiti non autosufficienti
h. 15.30          alzata, cambi e merenda assistita per Ospiti non autosufficienti
h. 17.00           cambi ed igiene
h. 18.45          cena assistita per Ospiti non autosufficienti
h. 19.15–20.00    cena per Ospiti  autosufficienti
h. 20.00          messa a letto per Ospiti non autosufficienti
h. 22.30-1.30     cambi notturni

Nell’arco della giornata sono presenti:
3 OSS, 1 infermiere, 2 educatore (mattino)
 3 OSS, 1 infermiere, 1 educatori (pomeriggio)
 2 OSS, 1 infermiere reperibile (notte)

IL SERVIZIO DI RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

Una Comunità Protetta deve proporsi come struttura che non abbia soltanto funzioni di contenimento e di assistenza ma persegua soprattutto finalità terapeutiche e riabilitative con l’obiettivo primario di un recupero ottimale delle capacità residue degli ospiti e del raggiungimento da parte loro del miglior livello possibile di autonomia, di integrazione e di qualità di vita.

Nella nostra struttura, all’inserimento di un nuovo paziente segue un periodo di osservazione generalmente della durata di un mese.

Tra le attività riabilitative più strutturate negli ultimi anni è stato dato particolare spazio ai laboratori teatrale, espressivo e di cucina e attività di palestra/fisioterapia.

Gli ospiti che hanno un maggior livello di autonomia vengono anche preparati, ad es. attraverso borse-lavoro, ed un reinserimento lavorativo.

Molta attenzione viene anche dedicata ai supporti (informativi, consultivi, psicoterapici) di cui spesso necessitano i familiari e che non di rado risultano determinanti per un buon esito del progetto.

La responsabilità del trattamento terapeutico-riabilitativo è dello psichiatra della struttura, coadiuvato dalla psicologa e dagli educatori, con la supervisione della direzione.

LE DIMISSIONI ED IL DECESSO

La procedura di dimissione si differenzia in dimissione definitiva o dimissione temporanea (ricoveri ospedalieri o soggiorni in famiglia).

Il Responsabile delle dimissioni è la Direzione.

Se la dimissione è definitiva, il Medico predispone una relazione di dimissioni,  l’ Infermiere di turno prepara tutta la documentazione personale e medica dell’Ospite, consegna gli eventuali farmaci personali residui. L’operatrice di turno si occupa del corredo personale dell’Ospite. L’amministrazione invece si occupa della regolazione della parte economica (saldo od eventuali rimborsi) e la registrazione della dimissione sul Registro Presenze. Se la dimissione è temporanea l’amministrazione si impegna a mantenere il posto letto.

In caso di dimissione temporanea per ricovero ospedaliero, l’infermiere di turno consegna la copia della documentazione necessaria (documentazione personale, referti medici, ecc.) . Gli operatori si preoccupano di fornire i cambi per la degenza.

In caso di dimissione temporanea per soggiorno in famiglia, l’infermiere consegna i farmaci e compila il modulo della terapia in corso.
Nel caso in cui un Ospite sia in fase terminale, l’infermiere avvisa i parenti i quali, in accordo con il medico, decidono se ricoverarlo o trattenerlo in struttura.

Se si decide per il ricovero si fa riferimento alla procedura di dimissione temporanea per ricovero ospedaliero.

Se si trattiene l’Ospite in struttura, nel momento del decesso, si provvede a contattare i parenti, il Medico di Base e il Servizio di riferimento.
--------------------------------------------------------------------------------------
SEDE LEGALE: Via Balbo 25 - 10010 Torre C.se (TO)
cap.soc.€ 14.300,00 I.V.- Partita IVA 04746430018 - C.C.I.A.A. TO-657066 - Iscr.Trib. TO n°280/85
Torna ai contenuti